Quando pensiamo al cinema ci viene in mente una sala gremita con poltrone di stoffa colorata, un grande schermo dinanzi a noi ed un proiettore che alle nostre spalle proietta sul telo bianco il film del momento. Sì lo so, forse sono soltanto un nostalgico cronico però la magia è tutta lì, racchiusa in quelle quattro mura, con quell’odore tipico di Pop-corn che invade il nostro spirito e ci permette di cogliere al meglio tutto ciò che quel film ha da offrirci.

L’avvento dello streaming fa parte di quel processo fisiologico ed evolutivo che da sempre contraddistingue la vita stessa: le cose mutano, evolvono e si perfezionano, perdendo a volte quella sana semplicità. Anche il cinema non si è sottratto a questo scanner vitale, si è trasformato mutando il suo status altamente socializzante in uno molto più asociale: rinchiudendo le persone nella propria cameretta e non più nella famosa sala di cui sopra. Era sinonimo di aggregazione, ora lo è molto di meno.

La principale testimonial di questa trasformazione dei nostri tempi si chiama Netflix, la piattaforma streaming che ti permette di guardare qualsiasi film o serie tv comodamente dal divano di casa tua e come se non bastasse ha iniziato perfino a produrre film milionari in uscita rigorosamente solo in versione streaming. Tutto questo è un bene o un male? Come ogni cosa ci sono pro e contro, di sicuro fino all’altro ieri era impensabile potersi gustare un film nuovo di zecca sul televisore di casa, a meno che non lo acquistavamo dal marocchino di fiducia (in versione videoamatore), e quindi in tal senso è stato fatto un grosso passo in avanti. Però, di contro si viene a perdere quell’attesa spasmodica che anticipava l’uscita di un film nelle sale: il trailer, la curiosità, le anteprime e poi finalmente il giorno tanto atteso, la coda assieme agli amici per entrare, i Pop-corn, le bibite, lo spettacolo e poi una pizza a suggellare una felice esperienza di vita. Ora, al massimo, il film lo vediamo in pigiama, con le tapparelle abbassate, le cuffie e gli occhi spiritati tipo bambola infernale.

Per quanto siano stati tenaci e lungimiranti nel creare qualcosa di nuovo che riuscisse a trasferire una persona alla volta lontano da quell’idea originaria di cinema, non sono ancora stati in grado di estrapolare quel magnifico incanto che regna e accompagna un film in una sala cinematografica. E no…non ci sono ancora riusciti! Tutto ciò rimane, tutt’ora, il modo migliore per apprezzare l’arte cinematografica.