La promozione “Cinema2Day” è stata prorogata fino al mese di maggio, dunque per altri tre mesi.

L’annuncio ufficiale è stato pubblicato su Twitter dal ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini: “Prorogato per tre mesi #cinema2day! L’8/3, il 12/4 e il 10/5 ancora al cinema con 2 euro. Grazie a distributori, produttori, esercenti”.

In questi giorni erano stati tanti gli appelli sui vari social nell’invitare i promotori dell’iniziativa ad allungare i termini della stessa.

Soprattutto tra i giovani “Cinema2Day” ha riscosso pareri favorevoli, a tal punto da farlo diventare un evento, al pari di feste comandate, da segnare con il pennarello rosso sul proprio calendario.

FACCIAMO UN PASSO INDIETRO…

A partire da mercoledì 14 settembre 2016, in tutti i cinema d’Italia aderenti all’iniziativa Cinema2Day, è stato possibile pagare il costo del biglietto ad un prezzo simbolico di soli due euro.

L’iniziativa è stata promossa dal Mibact – Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, in collaborazione con ANEM – Associazione Nazionale Esercenti Multiplex, ANICA Associazione Nazionale Industrie Cinematografiche Audiovisive e Multimediali e ANEC – Associazione Nazionale Esercenti Cinema.

Il ministro alla cultura Dario Franceschini si espresse così durante il lancio dell’iniziativa nel corso della conferenza stampa convocata alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica della Biennale di Venezia:

“È un modo di riavvicinare le persone alle sale, alla bellezza delle sale, un’iniziativa rivolta ai giovani in particolare, spiegando loro che vedere un film su un tablet o uno smartphone è bello ma è tutta un’altra cosa nella magia della sala cinematografica.
L’operazione musei è stata fatta sui musei statali, poi si sono aggiunti musei civici e musei privati, ma in questo caso abbiamo fatto necessariamente un accordo e hanno aderito esercenti, produttori, distributori, tutto il mondo del cinema. Noi abbiamo fatto la promozione che sarà particolarmente mirata al mondo giovanile.
Mi pare un momento virtuoso, mentre stiamo approvando la legge sul cinema. Contemporaneamente facciamo questa iniziativa di promozione che penso funzionerà: in fondo una famiglia di quattro persone potrà andare a vedere un film di prima visione con 8 euro, credo che sia un aiuto”.

L’idea innovativa, sposata da oltre 3000 sale cinematografiche ha permesso un’affluenza maggiore, spingendo la gente a riversarsi al cinema con solo due euro in tasca ogni secondo mercoledì del mese.

Non sono mancate comunque delle critiche sostenenti il fatto che questa forte affluenza in quel giorno particolare del mese avesse scaturito, invece, una scarna frequenza in altri giorni della settimana e del mese stesso, compresi i weekend (solitamente giorni in cui si va più al cinema).

In un mondo popolato da gente che viaggia ad una velocità supersonica, in cui qualsiasi cosa è resa fruibile in modo tale da recepirla alla velocità della luce, “riscoprire” o per molti giovani governati dallo streaming, “scoprire” per la prima volta la magia di una sala cinematografica, compresi i suoi riti di contorno: pop corn, patatine, bibite e caramelle, penso sia un modo per restituire il giusto valore alle cose.

Assaporare un film nella sua espressione migliore, avendo il tempo come alleato, il silenzio del buio che regna sovrano sullo sfondo e un quadro visivo in cui immergersi segna il tratto impareggiabile e profondo di una sala cinematografica: impossibile da imitare!

LO SPOT DELL’INIZIATIVA