Una storia d’amore per raccontare l’egemonia di Pablo Escobar in Colombia negli anni ‘80 e gli inizi degli anni ’90Una storia d’amore per raccontare l’egemonia di Pablo Escobar in Colombia negli anni ‘80 e gli inizi degli anni ’90, quando il suo patrimonio, ricavato dal commercio di cocaina tra sud America ed Europa, sfiorava i dieci miliardi di dollari.

La Storia – Il film dell’attore/regista italiano Andrea Di Stefano, al suo primo lungometraggio dietro la macchina da presa, tratta di un ragazzo canadese, Nick (Josh Hutchenson) il quale si trasferisce, assieme al fratello Dylan e sua moglie, su una spiaggia in Colombia in cerca di fortuna, insegnando surf e cercando di vivere una vita tranquilla.
Questo proposito, però, inizia ad essere minato da alcuni balordi del posto che minacciano di ucciderli se non fossero andati via, rivendicando come loro, la zona in cui si erano stanziati.
Nei giorni seguenti Nick incontra Maria (Claudia Traisac), una ragazza solare intenta ad organizzare un comizio dello zio, Pablo Escobar (Benicio Del Toro), apparentemente solo un ricco signore, amante della famiglia, che cerca tra comizi festanti e azioni filantropiche di accattivarsi la gente. Tra i due ragazzi scatta la scintilla e iniziano a frequentarsi, innamorandosi l’uno dell’altra e la loro relazione prosegue spedita fino al matrimonio.
I giorni trascorrono sereni nella tenuta di “El patron” (così come veniva chiamato Pablo Escobar dai suoi uomini), dove, nel frattempo, Nick aveva iniziato a lavorarci prima e in seguito a viverci con Maria, instaurando un rapporto di fiducia con lo zio “benefattore”. Questo idillio, però, inizia ad offuscarsi quando Nick, esortato anche dal fratello, inizia a destare dei sospetti sulla buonafede dello zio della moglie e l’uccisione brutale dei tizi, che giorni addietro lo avevano minacciato prima e poi aggredito, è la goccia che fa traboccare il vaso.
La vera indole di Escobar viene dunque a galla smascherando quelle che sono le sue reali intenzioni, non certo di natura benefica, come cerca di far credere, ma vere e proprie esecuzioni ai danni di chiunque si mostri contrario al suo credo, fatto di traffici illeciti di cocaina, intimidazioni e brutali omicidi. Da quel momento in poi Nick e Maria vivranno in un clima di paura e continua tensione, prigionieri di una guerra scatenata da Escobar contro il governo stesso che lo ritiene responsabile delle sorti avverse del Paese.
Prima di consegnarsi alle autorità, mediante un accordo con le forze governative, Escobar incarica i suoi uomini più fidati, compreso Nick (che intanto stava meditando la fuga con Maria e il fratello verso il Canada), di recarsi in alcuni paesini per nascondere all’interno di alcune grotte il proprio tesoro accumulato, e alla fine del compito assassinare la loro guida, chiunque essa sia.

Il film è ricco di spunti di riflessione, alimentati da un certo grado di tensione e colpi di scena, che rendono la storia d’amore tra i due ragazzi, la punta di speranza di una pagina di storia scritta da un personaggio crudele, quanto scaltro.

TRAILER