Questa è una pagina di esempio. A differenza degli articoli, che sono visualizzati nella pagina iniziale del blog in ordine di pubblicazione, le pagine sono più indicate per i contenuti senza data che vuoi siano facilmente accessibili, come le pagine per le informazioni o i contatti. Fai clic sul link Modifica per modificare questa pagina o aggiungi un’altra pagina.

Commenti
  1. diego protani

    Si terrà presso Casa Manfredi a Pastena Venerdi 19 Maggio alle ore 18.00 la presentazone del libro Il cinema in penombra di Elvira Notari scritto dalla dott.ssa Chiara Ricci con la prefazione del famoso critico cinematografico Steve della Casa edito da Lfa Publisher.
    L’incontro fa parte del progetto Culturalmente Pastena ideato dal Sindaco Gnesi.
    Il libro scritto dalla Ricci è Un viaggio nella storia del cinema italiano (e non solo) attraverso la vita, lo sguardo e le opere della prima regista donna italiana: Elvira Notari. Un ritratto di una imprenditrice e della sua famiglia decisamente controcorrente per il periodo in cui ci troviamo (gli inizi del Ventesimo secolo) ma che ha saputo fare dei suoi film storia e leggenda. Un racconto di una donna forte e indipendente che ha trasformato la sua arte e l’amore per la sua città nel suo mestiere riuscendo a creare, produrre e realizzare oltre cento film di cui, purtroppo, ne sono rimasti solo tre: ‘A Santanotte, ‘E Piccerella e Fantasia ‘e surdato. È parte della storia di Napoli. Non può naturalmente mancare la musica: la parola chiave di tutta la filmografia notariana sottolineandone i temi scelti ed enfatizzati attraverso i fotogrammi. È parte della storia del nostro Paese. È la storia del cinema che, con Elvira Notari, per la prima volta diventa donna.
    Chiara Ricci è nata a Roma nel 1984. Si è laureata in DAMS – Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo e ha poi conseguito la laurea magistrale con lode in Cinema, Televisione e Produzione multimediale. Tra i libri già pubblicati da Chiara Ricci si posson menzionare ” Anna Magnani vissi d’arte, vissi d’amore” , con il quale ha vinto il Premio Internazionale Giuseppe Sciacca; “Signore & Signori Alberto Lionello” e “Monica Vitti. Recitare è un gioco”

Inserisci un commento