Le fiabe hanno un nuovo punto di vista con Stati Uniti, 2011
Ideatori: 
Edward Kitsis, Adam Horowitz
Trasmessa in prima visione nel Paese di origine: ABC
Trasmessa in prima visione in Italia: SKY (FOX)
Genere: Fantasy, Avventura
Stagioni: 6 (in corso)
Episodi: 133
Durata: 45’

DESCRIZIONE DELLA SERIE

La serie nasce sfruttando i racconti classici di natura fantasy come le fiabe, calati però nella realtà odierna, in particolar modo il 2010. I riferimenti a cui la serie rimanda sono dati dai film d’animazione della Walt Disney, dai quali riprende i personaggi, i luoghi particolari e tutti i nomi che ne fanno parte.

QUALI SONO I PERSONAGGI PRINCIPALI?

Biancaneve/Mary Margaret Blanchard (stagione 1-in corso) interpretata da Ginnifer Goodwin
Emma Swan/Salvatrice/Signora Oscura (stagione 1-in corso) interpretata da Jennifer Morrison
Regina Cattiva/Regina Mills (stagione 1-in corso) interpretata da Lana Parrilla
Principe James “Azzurro”/David Nolan (stagione 1-in corso) interpretato da Josh Dallas
Henry Mills/Autore (stagione 1-in corso) interpretato da Jared S. Gilmore
Tremotino/Signore Oscuro/Coccodrillo/Bestia/Signor Gold (stagione 1-in corso) interpretato da Robert Carlyle.
Grillo Parlante/Archie Hopper (stagione 1-4, 6) interpretato da Raphael Sbarge
Cacciatore/Sceriffo Graham Humbert (stagione 1-2) interpretato da Jamie Dornan
Pinocchio/August Wayne Booth (stagione 1-2, 4, 6) interpretato da Eion Bailey
Cappuccetto Rosso/Lupo cattivo/Ruby (stagione 1-3, 5) interpretata da Meghan Ory
Belle/Lacey French (guest 1-in corso) interpretata da Emilie de Ravin
Capitan Uncino/Killian Jones/Signore Oscuro (stagione 2-in corso) interpretato da Colin
O’Donoghue
Baelfire/Neal Cassidy (ricorrente 2-3, 5) interpretato da Michael Raymond-James
Fante di Cuori/Will Scarlet (stagione 4) interpretato da Michael Socha
Robin Hood (guest 2-6) interpretato da Tom Ellis (stagione 2) e da Sean Maguire (stagioni 3-6)
Malvagia Strega dell’Ovest/Zelena (ricorrente 3-5-in corso) interpretata da Rebecca Mader

COME TUTTO EBBE INIZIO…C’ERA UNA VOLTA…

C’era una volta in un mondo delle fiabe la Regina Cattiva che voleva vendicarsi a tutti i costi di Biancaneve, poiché la riteneva responsabile della morte del suo unico grande amore avvenuta in verità per mano di sua madre Cora. Per riuscire nel suo piano viene aiutata dal mago oscuro Tremotino, il quale le offre un sortilegio senza eguali: la Regina potrà impedire per sempre il lieto fine degli eroi. All’incirca 28 anni dopo tutti i personaggi delle fiabe vivono, senza ricordare alcunchè della loro vera identità, in una cittadina del Maine, nota come Storybrooke. Solamente un ragazzino di dieci anni, Henry, figlio adottivo del sindaco (in realtà la Regina Cattiva) conosce tutta la verità e tenta con insistenza di ridestare i ricordi degli abitanti. Per riuscire ad evocare i ricordi in loro, Henry si mette in cerca e trova la sua madre naturale, Emma Swan, convincendola a seguirlo in città e a rimanervi. Per mezzo di un libro dal titolo “Once upon a time” ricevuto per caso da Mary Margaret, il piccolo Henry ha compreso che Emma, figlia di Biancaneve e del Principe Azzurro (Mary Margaret e David nel mondo reale) è l’unica persona in grado di poter infrangere il sortilegio della Regina Cattiva, che ha catapultato tutti i personaggi delle fiabe nel mondo reale privandoli della possibilità di vivere il loro lieto fine.

UN NUOVO MODO DI CONCEPIRE LE FIABE

Edward Kitsis e Adam Horowitz, gli ideatori della serie, inizialmente vennero scoraggiati dai vari network a intraprendere la strada di una serie tv incentrata unicamente su una base fantasiosa della storia. La loro esperienza come sceneggiatori nell’altra serie tv di successo, “Lost”, li permise di sondare il campo da un altro punto di vista e così arrivarono ad una conclusione piuttosto originale: “Come persona, devi vedere come quello che manca nei loro cuori o nelle loro vite è il prendersi cura di sé… Secondo noi, bisognava concentrarsi sui viaggi dei personaggi e scoprire cosa gli è stato sottratto prima di giungere a Storybrooke – approcciarci in questo modo piuttosto che basarci su uno show che gira attorno a come rompere una maledizione”.

Un’altra idea accattivante fu quella di unire diversi personaggi fiabeschi e farli interagire tra di loro, difatti come riassunse Horowitz: “Una delle cose più divertenti per noi è stata pensare a come questi diversi personaggi tra loro potessero interagire in modi mai mostrati prima”.

Dopo aver avuto il permesso dalla Walt Disney di riutilizzare i loro personaggi fiabeschi nella serie, i due ideatori pensarono ad un modo tutto nuovo di concepire le figure femminili fino ad allora principesse immacolate. Non più damigelle in pericolo ma vere e proprie icone coraggiose e più che mai vere.
Kitsis si espresse così sul tema: “Potrei sbagliarmi, ma penso sia la prima volta che qualcuno ha mostrato Biancaneve con una spada, o incinta“.

DALLA FIABA ALLA REALTA’

L’idea di rendere i personaggi molto più veri e vicini alla realtà, senza che venga meno la loro magia, è un concetto ribadito anche da Josh Dallas, il Principe Azzurro della serie, affermando: “Principe Azzurro sembra solo essere un nome, in realtà è anche un uomo che prova le stesse emozioni di ogni altro uomo, è un principe, ma un principe del popolo. Si sporca le mani, ha un regno da governare, ha una famiglia da proteggere e prova un amore veramente epico per Biancaneve. È come chiunque altro. È umano”.

Lana Parrilla (Regina Cattiva), invece, offre un modo del tutto nuovo di guardare al suo personaggio, in termini molto più comprensivi nei confronti non solo di una regina cattiva ma di una mamma costretta a tutto pur di non perdere il suo bambino.
Ecco le sue parole: “Quando interpreto Regina ci sono sempre due storie da raccontare. C’è un lato di lei che è minaccioso, perché si sa che è una regina malvagia, e poi c’è il puro e semplice fatto che la madre biologica di suo figlio è entrata nel suo mondo e il terrore di perderlo è enorme. È una paura che, credo, qualsiasi madre adottiva proverebbe. Penso che aiuterà veramente il pubblico a guardare a Regina in termini diversi”.

LOCATION

Le riprese di “Once upon a time” hanno avuto luogo tutte nel villaggio di Steveston, un piccolo sobborgo a sud della città di Vancouver nella Columbia Britannica.

PROMO