Miami Vice-l'antidroga non è mai stata così fashion prima di loro due: Crockett e Tubbs

Stati Uniti, 1984-1989
Ideatori: Antony Yerkovich
Trasmessa in prima visione nel Paese di origine: NBC (dal 1984 al 1990)
Trasmessa in prima visione in Italia: RAI DUE (dal 1986 al 1992)
Genere: Poliziesco
Stagioni: 
Episodi: 111
Durata: 45′ 
SIGLA
https://youtu.be/dEjXPY9jOx8

 

DESCRIZIONE DELLA SERIE

La serie è interpretata da Don Johnson e Philip Michael Thomas nei panni rispettivamente di James “Sonny” Crockett e Ricardo “Rico” Tubbs, due detective dell’antidroga.

 

QUALI ERANO I PERSONAGGI PRINCIPALI?

James “Sonny” Crockett interpretato da Don Johnson

Ricardo “Rico” Tubbs interpretato da Philip Michael Thomas

Ten. Martin “Marty” Castillo interpretato da Edward James Olmos

Gina Navarro Calabrese interpretata da Saundra Santiago

Stanley “Stan” Switek interpretato da Michael Talbott

Lawrence “Larry” Zito interpretato da John Diehl

Trudy Joplin interpretata da Olivia Brown

Ten. Lou Rodriguez interpretato da Gregory Sierra

 

CLIP

 

CURIOSITA’

Il primo episodio di Miami Vice venne trasmesso dalla NBC nel 1984, ed era all’epoca la serie più costosa mai realizzata, con 1,3 milioni di dollari di budget a episodio.

Miami Vice rese famosi Don Johnson e Philip Michael Thomas, fino ad allora sconosciuti, ma soprattutto la città di Miami.

I suoi sgargianti vestiti dalle tinte pastello e la musica al sintetizzatore, imposero una nuova moda maschile negli anni ’80.

Fu la prima serie TV a sfruttare tecniche fino a quel momento soltanto cinematografiche, come la fotografia, le luci, il montaggio e soprattutto la musica, che allora non veniva ancora solitamente usata nelle produzioni televisive.

Michael Mann ufficialmente era il produttore esecutivo, ma contribuì attivamente alla realizzazione di Miami Vice. Le sue decisioni infatti, hanno pesantemente influenzato le ambientazioni, la musica e lo stile; niente era lasciato al caso, perfino i vestiti degli attori si intonavano alle stanze in cui si trovavano.

Anthony Yerkovich fu la mente che concepì la serie, prendendo spunto da un articolo di giornale che trattava dei traffici illegali in Florida.

 

LA REALTA’ DI MIAMI

La città di Miami inizialmente era contraria a concedere le riprese della serie TV, per via del periodo difficile che stava attraversando a causa dell’espandersi della criminalità legata, appunto, al traffico di droga.

In quegli anni si stavano espandendo a macchia d’olio i traffici di droga, per cui l’amministrazione temeva che suddette problematiche cittadine, con la trasmissione della serie, sarebbero potute diventare ancora più incontrollabili, con un naturale impatto negativo sul turismo.

 

A BORDO DELLA FERRARI

Modaioli e griffati, i due poliziotti di Miami Vice prestano servizio viaggiando a bordo di una Ferrari Testarossa color bianco. Durante la prima stagione fu utilizzata una replica della Ferrari 365 GTS/4 Daytona Spyder, assemblata utilizzando come base una Chevrolet Corvette. Il solo esemplare autentico è quello che compare parcheggiato per pochi secondi nell’episodio pilota.

La leggenda racconta che per far cessare questa situazione imbarazzante, Enzo Ferrari avesse donato due autentiche Ferrari. Durante tutta la serie furono utilizzate numerose auto sportive e di lusso tra le più famose degli anni 1980.

 

IL FILM TRATTO DALLA SERIE

Il 28 luglio 2006 è uscito Miami Vice, trasposizione cinematografica ambientata negli anni 2000.

Il film è stato girato nel 2005 con la regia e la sceneggiatura affidate a Michael Mann, che negli anni tra la chiusura della serie e la realizzazione di questa pellicola ha coltivato una carriera da cineasta di tutto rispetto.

L’ideatore della serie, Anthony Yerkovich ha collaborato alla realizzazione del film.

Gli attori principali sono Colin Farrell e Jamie Foxx, rispettivamente nei ruoli di Crockett e Tubbs. Le riprese, realizzate per lo più con macchine da presa digitali, sono state effettuate a Miami, Colombia, Cuba, Paraguay, Haiti, Brasile e in Repubblica Dominicana e nonostante il grande impatto visivo, il film ha ricevuto una tiepida accoglienza sia da parte del pubblico che della critica.

TRAILER DEL FILM