il rapporto tra lo scrittore Thomas Wolfe e il suo editore Max Perkins, scopritore di altri talenti quali F. Scott Fitzgerald ed Ernest Hemingway, per citarne alcuniIl film, in sala dal 9 novembre, racconta il rapporto tra lo scrittore Thomas Wolfe e il suo editore Max Perkins, scopritore di altri talenti quali F. Scott Fitzgerald ed Ernest Hemingway, per citarne alcuni.
Il regista Michael Grandage, dopo molte commedie teatrali si tuffa nel cinema realizzando un biopic ambientato negli anni del famoso crollo di Wall Street.

Trama – Nei primi anni del ‘900 l’eccentrico Thomas Wolfe (Jude Law) cerca in tutti i modi un qualche editore di buon cuore che pubblichi il suo libro dal titolo: “O Lost” (quello che poi diverrà “Angelo, guarda il passato”), anche se in tutta New York, nessuno crede nel suo talento e tanto meno nel suo manoscritto di numerose pagine. L’unico a fidarsi della sua corposa vena creativa è Max Perkins (Colin Firth), un editore dalla fama notevole, che lo aiuterà ad incanalare il suo estro creativo nella giusta maniera, correggendone difetti e una profonda loquacità.

Una personalità schiava della sua strabordante fantasia artistica, impossibile da domare, come un cavallo selvaggio in aperta campagna. La sua vita, breve ma intensa, ha lasciato come eredità, all’intero mondo letterario, dei capolavori inestimabili, frutto di un sublime modo di impugnare la penna e riversare fiumi di parole. Spesso affogato nel mare di alcool in cui si rifugiava e incapace di tessere rapporti duraturi ed empatici, finiva per rimanere solo con i suoi demoni e la sua triste euforia.

Jude Law sveste i panni del Papa per entrare in quelli del famoso scrittore, accompagnato dal premio Oscar Colin Firth (Il discorso del re) che veste quelli del suo editore. Le loro rispettive compagne sono interpretate da Nicole Kidman (Grace di Monaco) e Laura Linney (Animali notturni), mentre Guy Pearce (Montecristo) recita la parte di Scott Fitzgerald, l’autore de: “Il grande Gatsby”.

TRAILER