La storia di pelè, il calciatore più forte di tutti i tempiLa storia di Pelè, il calciatore più forte di tutti i tempi, un’icona brasiliana capace di incantare tutto il mondo con le sue giocate, la sua agilità e soprattutto i suoi gol, più di 1000.
Il film ci racconta le sue umili origini, il rapporto con il padre, i suoi primi calci per strada verso qualsiasi cosa avesse la forma a sfera, fino a scalare le gerarchie, le diffidenze ed arrivare alla nazionale brasiliana, come coronamento di un sogno scritto nel suo destino.

Dopo il Maradona di Kusturica si rende omaggio ad un altro fenomeno della storia del calcio. Il film ci proietta tra le atmosfere, le musiche e la miseria che attanagliava (ma pare che non sia cambiato granché) il Brasile negli ’50.

La Storia – Nato a Três Coraçöes da una famiglia molto povera, come gran parte della gente del posto, Edson Arantes Do Nascimento, poi soprannominato Pelé, vive di fantasia, di estro e di espedienti tra le numerose favelas che abitavano il luogo, assieme ad una schiera di amici, tutti accomunati dalla incessante voglia di giocare al calcio, uno sport sanguigno per la gente brasiliana.
Solitamente il suo pallone era rappresentato da un frutto di mango, o da un calzino riempito di carte; la sua tecnica, sin dagli esordi però, era divina, mai vista fino ad allora. Il rapporto turbolento con il padre Dondinho (Seu Jorge) anch’egli calciatore in passato con una carriera interrotta per un problema al ginocchio, si rinsalderà con il tempo, facendo sì che il padre diventi il suo primo tifoso.
L’esordio dopo un provino nel Santos (squadra di San Paolo) a quindici anni ed in seguito il suo debutto nella nazionale brasiliana, a quasi diciassette anni, lo rivelano a tutti come una nuova stella del panorama mondiale.
Principale protagonista della “ginga” brasiliana (una danza di arti marziali creata dagli indigeni brasiliani), Pelé riuscirà grazie al tipico movimento del corpo e alle sue doti indiscusse a coinvolgere tutti i compagni di nazionale, frenati inizialmente dall’esprimere le proprie origini praticando la ginga, perché considerata la causa delle sconfitte passate, trascinando il Brasile intero ad essere testimone d’onore di un gioco spettacolare, fatto di acrobazie e tecnica sopraffina, avvalorato dalla vittoria per tre volte consecutive della coppa del mondo.

Il film è stato girato dai fratelli Jeff e Michael Zimbalist ed interpretato da Kevin de Paula, pescato su una spiaggia di Rio de Janeiro mentre tirava due calci al pallone per sbarcare al cinema in qualità di Edson Arantes do Nascimento, per tutti PELÈ.

TRAILER